Il contributo a fondo perduto del Decreto Rilancio


Al fine di sostenere i soggetti colpiti dall’emergenza epidemiologica “Covid-19″, l’articolo 25 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34, cosiddetto “Rilancio”, introduce un “contributo a fondo perduto”. Nella video intervista in occasione del 26° Forum Lavoro/Fisco il dott. Dario Fiori spiega i requisiti e le modalità di accesso al contributo a fondo perduto.

Vedi il video

Ferie solidali: un fine chiaro, un ordinamento difficile.

L’ emergenza sanitaria Co-vid-19 ha fatto fiorire una molteplicità di iniziative dall’evidente intento solidale. Tra quelle esplicitamente incentivate dal legislatore vi sono le c.d. “ferie solidali”.

Nell’approfondimento redatto dal Dott. Dario Fiori insieme al collega Dott. Antonello Orlando per Guida al Lavoro de Il Sole 24 Ore vengono descritte:

  • le modalità operative della donazione di giornate di ferie e di permessi da parte dei lavoratori;
  • gli aspetti sindacali;
  • i riflessi di natura fiscale e contributiva.

L’istituto può essere utilizzato soprattutto nel caso di lavoratori con un notevole accantonamento di ferie e permessi di anni pregressi.

Visualizza l’approfondimento sulla disciplina delle c.d. “ferie solidali“, redatto dal Dott. Dario Fiori insieme al collega Dott. Antonello Orlando per Guida al Lavoro de Il Sole 24 Ore

Decreto Cura Italia: Questions & Answers

Il Dott. Dario Fiori propone la lettura dell’approfondimento del 31 marzo 2020, pubblicato dalla Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, dove vengono fornite le risposte a 100 richieste di chiarimento sui dubbi normativi e interpretativi delle disposizioni contenute nel D.L. n.18/2020, cosiddetto Cura Italia, e nelle ultime comunicazioni operative dell’Inps. Il documento si suddivide in quattro macro temi (ammortizzatori sociali, licenziamenti, fiscale e scadenze, smart working) e vuole essere uno strumento utile per gestire l’emergenza economica.

Leggi approfondimento

D.L. “Cura Italia”: trattenute contributive a carico dei lavoratori dipendenti


Il decreto legge “Cura Italia”, D.L. n. 18 del 17 marzo 2020, prevede la rimessione in termini dei versamenti, (la scadenza del 16 marzo 2020 viene prorogata al 20 marzo 2020), e la sospensione dei termini per il pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria ma, nel definire il nuovo calendario delle scadenze dei versamenti contributivi operati dai datori di lavoro, non si rinviene alcun riferimento circa la quota di contributi a carico del lavoratore trattenuta in busta paga. Per una lettura guidata e una corretta interpretazione del D.L. “Cura Italia”, il Dott. Dario Fiori, propone una disamina dell’intero quadro normativo e delle pronunce giurisprudenziali in materia redatta per la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro.

Leggi l’approfondimento