Lavoratori “Impatriati”: Il regime fiscale agevolato per chi rientra in Italia


Tra gli ultimi provvedimenti in materia, il “decreto Crescita”, prevede, a partire dal 2020, la concessione dell’agevolazione per una durata tra i 5 ed i 10 anni ad una platea più ampia, che comprenderà lavoratori dipendenti, autonomi e anche imprenditori. Inoltre, il decreto amplia anche la portata del beneficio: l‘esenzione fiscale per chi trasferisce la propria residenza in Italia sale, infatti, dal 50% al 70%, con un incremento che può giungere fino al 90% in alcuni casi previsti dalla norma. Dopo avere esaminato il dettato normativo e la fase transitoria prevista dal decreto, il Dott. Dario Fiori nell’approfondimento redatto per la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro si sofferma ad analizzare anche due esempi pratici, simulando il risparmio d’imposta fruibile da due lavoratori “impatriati”.

Leggi l’approfondimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.