La ripetizione dell’indebito: il passaggio di testimone tra la restituzione al lordo e al netto delle ritenute?

LA NOVITA’ INTRODOTTA DAL DECRETO RILANCIO

L’articolo 150, comma 1, D.L. 34/2020 (c.d. Decreto #Rilancio), aggiungendo all’articolo 10, del #Tuir, il comma 2-bis, ha previsto un’ulteriore modalità di restituzione al sostituto d’imposta delle somme indebitamente percepite dai sostituiti. Il legislatore ha voluto positivizzare il metodo della restituzione al #netto delle #ritenute in caso di somme erroneamente o indebitamente corrisposte dal sostituto d’imposta. Viene così recepito un’impostazione divenuta predominante in giurisprudenza.

LA CIRCOLARE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE N. 8/E DEL 2021
La norma in questione è rubricata “Modalità di ripetizione dell’indebito su prestazioni previdenziali e retribuzioni assoggettate a ritenuta alla fonte a titolo di acconto”. La circolare dell’ Agenzia delle Entrate n. 8/E/2021, nonostante la rubrica riferita solamente alle ritenute alla fonte a titolo di acconto, chiarisce, in ossequio al brocardo rubrica legis non est lex, che la norma deve intendersi riferita alle somme soggette a ritenuta a qualsiasi titolo (anche d’imposta o soggette a imposizione sostitutiva).

L’APPROFONDIMENTO PUBBLICATO DAL DOTT. DARIO FIORI
Condividiamo l’abstract di un approfondimento pubblicato da Dario Fiori per la rivista “La Circolare di Lavoro e previdenza” di “Centro Studi Lavoro e Previdenza – Area Lavoro Euroconference”. Il lavoro intende ripercorrere i vari passaggi del citato provvedimento di prassi, individuandone i punti salienti e analizzando, nel mentre, anche il contenuto della rilevante ordinanza di Cassazione n. 23531/2021.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni ed una consulenza in materia contattaci.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.