Covid-19: le misure per le zone rosse dal 15 marzo al 5 aprile

Di seguito una sintesi delle misure introdotte dal DPCM del 2 marzo 2021 e dal d.l. 13 marzo 2021, n. 30, con riferimento alle c.d. zone rosse, decorrenti dal 15 marzo al 5 aprile 2021 (valevoli, quindi, anche per la Regione Lazio).

Spostamenti

  • Sono vietati gli spostamenti, nel proprio Comune e verso altri Comuni, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute.
  • Vietati gli spostamenti da una regione all’altra.
  • Sono consentiti gli spostamenti per il rientro nel proprio domicilio, abitazione o residenza.

Bar e ristoranti

  • Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie e pasticcerie).
  • Nessuna limitazione per la ristorazione con consegna a domicilio.
  • Fino alle 22.00 è consentita la ristorazione con asporto, è vietata la consumazione sul posto. Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dai codici Ateco 56.3 (bar e altri esercizi simili senza cucina) e 47.25 (commercio al dettaglio di bevande in esercizi specializzati) l’asporto consentito solo fino alle 18.

Attività commerciali

  • Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, ad eccezione delle attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità sia negli esercizi di vicinato sia nelle medie e grandi strutture di vendita, anche nell’ambito di centro commerciali.
  • Chiusi i mercati, ad eccezione delle attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici.
  • Aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie.

Servizi alla persona

  • Sono sospese le attività inerenti servizi alla persona, ad eccezione delle lavanderie, tintorie e servizi pompe funebri.
  • Chiusi barbieri e parrucchieri.

Attività lavorativa

  • I datori di lavoro pubblici limitano la presenza del personale nei luoghi di lavoro per assicurare unicamente le attività indifferibili o che richiedano necessariamente la presenza, anche in ragione delle gestione dell’emergenza.

Scuola

  • Chiusura e didattica a distanza per tutte le scuole di ogni ordine e grado.

Attività motoria e sportiva

  • Sospese tutte le competizioni sportive, salvo quelle riconosciute di interesse nazionale dal CONI e dal CIP. Sono sospese le attività nei centri sportivi.
  • Resta consentito svolgere attività motoria nei pressi della propria abitazione e attività sportiva solo all’aperto in forma individuale.

Musei e luoghi della cultura

  • Sospese le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura, ad eccezione delle biblioteche dove i servizi sono offerti su prenotazione e degli archivi.

Week end di Pasqua

Nei giorni 3, 4 e 5 aprile 2021, all’intero territorio nazionale, ad eccezione delle regioni in zona bianca, si applicano le misure disposte per le zone rosse. Tuttavia, negli stessi giorni, è consentito all’interno della regione lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno tra le ore 5 e le ore 22, nei limiti di due persone ulteriori rispetto a chi convive nell’abitazione, esclusi i minori di anni 14 e le persone disabili o non autosufficienti conviventi.

Per ulteriori chiarimenti si rimanda alle FAQ pubblicate sul sito del Governo.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.